giovedì 9 luglio 2009

italia si italia no


da LaRepubblica.it sul caso Spaccarotella:

"Il magistrato ha chiesto una condanna a 14 anni: una pena ridotta per il "carattere istantaneo"
e perché "ha distrutto una vita ma anche la sua". Una riduzione eccessiva per la famiglia della vittima"..

e ancora...
..Ripercorrendo le dichiarazioni dell'agente, il magistrato ha chiesto: "Come è possibile credere? Solo un folle avrebbe potuto correre con il cane armato e il dito sul grilletto. Si sarebbe sparato addosso. Quando si è fermato, l'agente ha di nuovo messo il dito sul grilletto"

dal blog di Beppe Grillo:
"Paolo Forlani, Monica Segatto, Enzo Pontani e Luca Pollastri sono agenti di Polizia. Sono persone libere di muoversi e di fare ciò che vogliono. Non sono stati espulsi dalla Polizia. Hanno ucciso un ragazzo di nome Federico Aldrovandi a manganellate. Sono stati condannati ieri dal tribunale di Ferrara per eccesso colposo in omicidio colposo a 3 anni e 6 mesi. L'omicidio di un ragazzo, se sei in divisa, vale 3 anni e 6 mesi e non vieni neppure radiato. Equivale alla licenza di uccidere.."

ma io mi chiedo, danno le "attenuanti" perchè agenti, non dovrebbero essere "aggravanti"? non è peggio se chi dovrebbe proteggere aggredisce/uccide?

è come il prete pedofilo..se sei un maniaco sessuale non puoi fare il prete, se sei un sadico violento non puoi garantire l'ordine..ecc..in Italia gli esempi di sto tipo sono tanti.
lo so che le mie sono considerazioni banali, ma è l'assurdità con cui ci passano davanti queste ingiustizie che mi spaventa. e io che faccio? che posso fare? attivamente dico. non so. italia no.

Nessun commento:

Posta un commento