domenica 1 aprile 2012

DEI SUOI OCCHI E I SUOI CAPELLI

I suoi occhi e i suoi capelli.
E' passato troppo tempo da quando non metto mano al blog, forse sono mancati voglia e argomenti, forse ho perso tempo facendo finta di fare altro. Nel frattempo succede qualcosa e qualcosa succede a qualcos'altro. Ho riletto vecchi post e controllato le statistiche notando che tra i più commentati e googolati (oltre a quelli con riferimenti a Berlusconi o Ruby) ci sono i post dove parlo dei sogni. Bene. Scrivo di un sogno recente. In realtà è un incubo. Estate, esterno giorno, campagna (del sud italia) un branco di cani m'insegue, maledetti bastardi, riesco a salire su un albero di fichi, ma il capo branco, il maschio alfa (si dice così no?) non molla, è bianco e ha una testa enorme, sproporzionata, mi guarda e riesce a salire sull'albero, mi ringhia in faccia...riesco ad allontanarlo lanciandogli contro dei fichi. fine. Che vorrà dire? potrei cercare su google, nun me va.
Ho anche sognato un governo tecnico, che ci porta fuori dalla crisi. Ho sognato di persone che si ammazzano perché non riescono a trovare un lavoro, perché la ditta gli ha licenziati, perché anche avendo un lavoro non arrivano a fine mese...altro che branco di cani che mi inseguono. Diamoci alle velleità artistiche.

E' davvero perfetta con tutti i suoi difetti?
e le sere che non mi fa dormire?
in attesa di una fine e di una fune, un punto di fuga.
in prospettiva le rette parallele s'incontrano.

Duecentoquindici

7 commenti:

  1. non t'avevo visto tra i miei commenti. baci! grazie a te. cmq il sogno dice che stiamo nella merda ma che o sapevamo da 30 anni.

    RispondiElimina
  2. mmm sì avevo immaginato una roba del genere...un bacio cara.

    RispondiElimina
  3. vabbè...è impossibile aver sempre qualcosa da dire, no?!

    love, mod

    RispondiElimina
  4. Giuro che sabato pomeriggio ho pensato: ma 215 non scive più?!
    Telepatia!

    RispondiElimina
  5. @mod a volte è meglio stare zitti (e non scrivere niente). Baci.
    @mercoledì Sere sono tornato! sabato pomeriggio ho sentito come un "richiamo" :) baci.

    RispondiElimina