martedì 18 dicembre 2012

DI OFFESE e DEJA VU

Offese

Come si fa a non sentirsi offesi? L'italiano medio davvero si sarà bevuto la merda del Berlusconi in tv?
Un'intervista definita da Sallusti "scoop". Scoop?...in che senso?
B. va sempre prima delle elezioni in programmi che con la politica non hanno niente a che fare...non c'è limite ai cani del Padrone, da Fede alla D'urso passando per Sallusti e Santanchè.

il cane-centipede

Deja-vu

Però in quella sua intervista a cuore aperto qualcosa mi ha convinto, davvero...quando dice che il prestigio internazionale è stato perso a causa delle "false" accuse della magistratura nei suoi confronti...
come dimenticare il "cucù" alla Merkel o "culona inchiavabile" sempre alla cancelliera tedesca, o il rimprovero dalla Regina, o "il presidente abbronzato", o il baciamano a Gheddafi prima di metterglielo al culo! Sublime.

Oppure, l'italiano coglione si sarà accorto che adesso la storia di Ruby è "povera ragazza che va via da casa perché ha abbracciato religione cattolica e vuole aprirsi un non so cosa con i laser e B le ha dato 58 mila euro"
...certo, sì e la storia della nipote di Mubarak? Dimenticata. Lui il Salvatore.

E poi, l'immancabile aneddoto sulla Madre, vecchia buonanima, che aveva sempre una parola, una perla, una massima di saggezza...cazzo! sempre nuove, la storia della sua scesa in campo ha vent'anni, ma vengono sempre fuori particolari inediti. Silenzio. Lacrime.

Tutto questo impreziosito dalle famosissime espressioni della D'urso.













domenica 9 dicembre 2012

DI CAMBIAMENTI

Il cambiamento a volte è solo apparente, dopo un giro dell'universo ci ritroviamo nella stessa posizione di prima, altre invece è così lento e "diluito" nel tempo che crediamo di essere sempre gli stessi, congelati. Mi chiedo da tempo, perché non scrivo più sul blog, in parte perché molti dei bloggers che seguivo hanno chiuso l'account, ma non è solo per quello. Il blog era nato come terapia, come modo per facilitare il cambiamento, quindi ciclicamente rivisitavo la veste grafica, modificavo l'approccio, per un pò è stato diario, sfogo, cazzeggio, ultimamente solo "artistico". E' mancata la voglia di scrivere, di rovinarlo con parole che dopo tempo avrei trovato ridicole...però come dopo un viaggio (lungo o breve non importa) si ritorna a casa, diversi e uguali, cambio la pelle.

(Non sentite che l'aria è elettrica?)

bentrovati

215 viaggi